Ingegneria Sociale: l’arte di hackerare gli umani

Cosa è l’Ingegneria Sociale? E’ l’arte di sfruttare le debolezze umane attrvaerso  lo studio del comportamento individuale al fine di carpire informazioni utili e furti di identità, commettendo atti di criminalità informatica. Ecco i nuovi cyber attacchi che sfruttano le debolezze umane!

Articolo estratto da  Andrea Biraghi Medium.

Ingegneria sociale Andrea Biraghi Cyber Security
Photo by Yeshi Kangrang on Unsplash

L’Ingegneria sociale comprende un insieme di tecniche utilizzate per ottenere informazioni utili e dati sensibili da altri mediante la manipolazione psicologica e sfruttare le debolezze per raggiungere obiettivi a proprio beneficio.

E’ molto importante, visto la pericolosità di tali attacchi che le aziende oggi vengano sensibilizzate alla formazione dei propri dipendenti per evitare fenomeni di data breach. Tra gli esperti sta prevalendo l’idea di un necessario approccio multidisciplinare al problema, tecnico e umano (antropologico) assieme, per affrontare il fenomeno che rispetto al 2017 è in forte crescita (56.9% -Rapporto Clusit 2019 — Agenda Digitale).

Cosa è l’ingegneria sociale e perchè sepre più spesso ne sentiamo parlare?

Ingegneria Sociale: perché sempre più spesso ne sentiamo parlare?

Questo argomento preme al settore della Cyber Security nella misura in cui gli attacchi messi in moto dall’ingegneria sociale, sfruttando le debolezze umane, possano mettere in moto degli attacchi basati su computer.

Gli attacchi quindi possono essere di due tipi: attacchi basati sulla persona e attacchi basati sui computer.Per entrambi vi è il solito modus operandi:viene selezionata la vittima (meglio se facilmente manipolabile) e vengono raccolte informazioni, viene staibilito un contatto con la vittima che subisce la manipolazione, terminato l’attacco il criminale sparisce nel nulla.

Oggi, purtroppo, molte piccole e media aziende — le più colpite — sono vulnerabili a questo tipo di attacchi a causa della troppa fiducia, della paura o mancanza di conoscenza. Altre cause si trovano e si identificano nei 6 principi di Roberto Cialdini, psicologo statunitense e noto per la sua fama internazionale nel campo della psicologia della persuasione. I sei principi, meglio conosciuti come “Cialdini’s 6 Principles of Influence”, meglio spiegati da Chiheb Chebbi in un articolo completo su Peerlyst, sono:

  • Reciprocità
  • Impegno e coerenza
  • Riprova sociale
  • Gradimento
  • Autorità
  • Scaristà

Continua a leggere …

andrea biraghi