Computer quantistico: IBM da 53 qubits online ad Ottobre 2019

“Il nuovo sistema quantistico è importante perché offre un reticolo più ampio e offre agli utenti la possibilità di eseguire esperimenti di entanglement e connettività ancora più complessi”, Dario Gil, direttore di IBM Research.


Mentre il 14mo computer quantistico dell’IBM e il più potente sino ad ora sarà disponibile online nell’Ottobre del 2019, pare che i ricercatori di Google vogliano aggiudicarsi la supremazia in campo. La notizia è apparsa sul Financial Timese in questo “giallo” non sono chiari i dettagli dell’esperimento effettuato che avrebbe dimostrato che il computer quantitistico è superiore ad uno tradizionale: quindi il computer più potente sino a ora è il modello con 53 qubits firmato IBM.

IBM Q quantum computer

Un grande passo avanti per l’IT anche se il calcolo quantistico rimane altamente sperimentale e il mantenimento di queste macchine sia limitato dalla necessità di un raffreddamento dei circuiti sempre intorno al così detto zero assoluto. 

Tuttavia questi sistemi potrebbero risolvere calcoli ed eleborazioni inimmaginabili, risolvendo più soluzioni ad un singolo problema.

Che cosa è un qubit? i computer quantistici si basano su un qubit per archiviare ed elaborare i dati: a differenza dei bit — che memorizzano uno zero o uno uno, i quibits memorizzano una combinazione di entrambi contemporaneamente attraverso la sovrapposizione. La sovrapposizione di stati opera quindi calcoli paralleli anziché quelli sequenziali dei computer tradizionali.

Leggi l’articolo su CNET

Le tre generazioni del computer quantistico IBM: da 5 a 16, da 20 a 50 qubits

I progressi di ricerca e sviluppo di IBM hanno portato la società a lanciare, dal 2016 al 2019, sistemi da 5 a 16 (accessibili dalla piattaforma IBM Q experience) e da 20 a 50 qubits. Il continuo impegno e lavoro degli scienziati ha portato a migliorare sempre di più i diversi aspetti di queste macchine: la qualità dei qubits, la connettività dei circuiti e il tasso di errore operativo, sino a raggiungere i tempi di coerenza sino ad un valore medio di 90 microsecondi.

Continua a leggere su AIforBUISNESS 

Con chi compete IBM? naturalmente i competitors sono Google, Microsoft, Honeywell, Rigetti Computing, IonQ, Intel, NTT e D-Wave.

Ultimo ma non meno importante è il fatto che i computer quantistici potrebbero rappresentare una ulteriore minaccia alla sicurezza informatica: in mano a hacker malevoli potrebbero causare disastri inimmaginabili. Ovvero i qubits sarebbero ancora instabili: il loro stato quantico può quaini essere alterato e bloccato con piccole variazioni di temperatura o vibrazioni.

Leggi l’articolo su: DIFESAESICUREZZA

Quantum computer Update 2019

Curiosità: Principio di Sovrapposizione e il gatto di Schrödinger

computer quantico, computer quantistico, google, ibm

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *