Blog sulla sicurezza informatica e l’informazione dei sistemi

Andrea Biraghi, Cyber Security manager e direttore della divisione Security and information Systems, lavora da anni per il mantenimento della sicurezza dei sistemi informativi. In una società sempre più digitalizzata ed interconnessa è divenuto ormai indispensabile prendere atto delle minacce esistenti nella rete Internet: solo un costante impegno ed aggiornamento rendono possibile affrontare e combattere i Cyber criminali e riprendersi in fretta dalla loro violazioni. La posta in gioco è alta e la sicurezza dei servizi web è fortemente legata al nostro sviluppo economico: basti pensare al rapido aumento delle connessioni, degli utenti, l’aumento del valore di numerose transazioni effettuate attraverso le reti, la crescita delle imprese legate al commercio elettronico.

Tag: colonial pipeline hacker

Colonial-Pipeline-ransomware-andrea-biraghi

Colonial Pipeline: un ransomware da 4,4 milioni di dollari

Il Colonial Pipeline ha pagato un riscatto di 4,4 milioni di dollari agli autori del ransomware: il gruppo hacker DarkSide. A confermare il pagamento è stato Joseph Blount, CEO Colonial Pipeline che distribuisce carburante lungo la costa orientale degli Stati Uniti. Il riscato è stato pagato per permettere la ripresa delle attività dell’oleodotto.

L’attacco ai sistemi informatici dell’azienda è avvenuto ad inizio maggio quando la Colonial ha dovuto arrestare le sue attività e chiudere l’intera rete dopo il cyber attacco. Blount all’inizo era contrario al pagamento del riscatto, ma ha poi affermato di non avere scelta. “Pagare il riscatto è stata la cosa giusta da fare negli interessi del Paese” ha affermato il CEO durante un’intervista al Wall Street Journal. Non biosgna dimenticare che la società rappresenta una risorsa fondamentale nel settore delle infrastrutture energetiche degli USA.

Un cyber attacco ha arrestato la principale rete di oleodotti USA: venerdi 7 maggio 2021, dopo l’attacco informatico, il principale operatore statunitense di gasdotti Colonial Pipeline ha chiuso la sua intera rete. Colonial infatti, trasporta il 45% della fornitura di carburante della costa orientale, spostando 2,5 milioni di barili al giorno attraverso migliaia di miglia di oleodotti.

Andrea Biraghi – Cyber attacco arresta la principale rete di oledodotti USA, il Colonial Pipeline

Colonial Pipeline ransowmare: il reminder delle crescenti minacce informatiche alle infrastrutture critiche

L’attacco è un reminder delle crescenti minacce informatiche alle infrastrutture critiche e ai fornitori di servizi che sono obiettivi dei criminali informatici. E ora i media sono pieni di notizie sugli effetti a cascata dell’attacco ransomware sferrato contro Colonial Pipeline dalla banda di criminali informatici DarkSide.

L’attacco hacker al più grande oleodotto degli USA ha messo in crisi l’economia, la vita della gente (rimasta senza benzina) e l’immagine della presidenza Biden.

Panorama – Il caso della Colonial Pipeline

Leggi anche: L’importanza della Cyber Security nel settore marittimo