Ransomware-2020

Ransomware 2020: attacchi ogni 11 secondi

Ransomware 2020: i report annuali non portano nulla di buono, il ransomware rimane il grande business del cyber crime e dei criminali informatici.

Infine, secondo il report di TrendMicro , l’Italia è il paese più colpito al mondo, almeno per quanto riguarda le cifre relative al 2019 per quanto riguarda gli attacchi ransomware. Su scala mondiale, invece, il nostro paese, è settimo per ciò che concerne malware e quarto per macromalware.

Attacchi cyber ogni 11 secondi

Ransomware: le minacce del 2019 portano alle previsioni per il 2020

Cosa consiglia TrendMicro per difendersi dalle minacce? Innanzitutto “una strategia di connected threat defense che metta al sicuro i gateway, le reti, i server e gli endpoint”.

Un pò di numeri in Italia:

  • 17.120.526 malware intercettati
  • 4.326 malaware relativi all’home banking
  • 7.915.566 visite ai siti maligni
  • 851.725 siti maligni bloccati
  •  384.376.157 minacce via mail
  • 185.747 APP malevoli
  • 4.222 attacchi exploit
Fonte – 2019 Annual Security Roundup: The Sprawling Reach of Complex Threats
The Sprawling Reach of Complex Threats

Ultimamente un approccio più mirato dei ransomware ha permesso tecniche più mirate volte a costringere le organizzazioni a cedere alle richieste di ricatto. L’efficiacia relativa all’evoluzione delle nuove tecniche utilizzate è stata dimostrata – a livello globale – da una serie di attacchi rivolta ad entità governative.

Il ransomware Maze ha comportato, ad esempio, ha rappresentato un onere maggiore per le sue vittime, data la sua capacità di copiare automaticamente tutti i file interessati su sever controllati dai suoi operatori.

Ma c’è stato un ulteriore e importante sviluppo: la formazione di “alleanze” tra gruppi di ransomware. TrendMicro ritiene che, nel novembre del 2019, gli operatori dietro a Ryuk abbiano lanciato l’attacco dall’ufficio dei servizi tecnologici della Lousiana stessero lavorando come fornitori access-as-a-service.

Infine c’è la questione dei dispositivi IoT, il cui numero dovrebbe aumentare a circa 22 miliardi entro il 2025: il rischio, appurato, è che i cyber criminali trasformino questi dispositivi in una piattaforma per condurre attacchi malevoli, sfruttando le loro attuali vulnerabilità.

Al riguardo, nel rapporto vengono citate le segnalazioni riguardo alla variante del famoso Mirai (Trojan.Linux.MIRAI.SMMR1), che usa molteplici exploit per colpire i router e dispisitivi IoT. Un’latra segnalazione è stata fatta riguardo una sua variante backdoor che sfrutta una vulnerabilità nei router Huwaei HG532

Ransomaware 2020: la situazione attuale

Altri due report, segnalano invece la situazione Ransomware 2020.

Mentre Sophos segnala che quasi tre quarti degli attacchi nel 2020 comportano la crittografia dei dati, si rileva che per il 51% delle oragnizazioni che hanno subito attacchi, i dati sono stati crittografati nel 73% dei casi. Lo scarto tra pagamento del riscatto (56%) e recupero tramite backup (26%) parla da solo.

Gli attacchi che hanno maggior successo sono quelli che includono dati nel cloud pubblico, ma i criminali, chiaramente prendono di mira i dati, ovunque siano archiviati.

Sembra poi che il settore pubblico, nonostante i titoli di testa, sia più al riparo di quello privato. Riguardo le assicurazioni (che pagano il riscatto il 94% delle volte), invece solo il 64% degli intervistati è coperto contro i ransomware.

Infine BlackFog ha compilato una lista internazionale, mese per mese, di tutti gli attacchi informatici a livello globale: mentre il mese di Aprile 2020 era inizato a rilento gli attacchi sono via via aumentati a partire da un grave attacco in Portogallo.

Il gigante portoghese Energias de Portugal (EDP) è stato il primo a riferire di essere stato vittima di un grave attacco quando i criminali informatici li hanno informati diun massiccio riscatto: 9,9 milioni di euro!

iot malware, ransomware 2020, ransomware italia