Intelligenza Artificiale e lavoro: così nasce il “cyber-proletariato”

Lavori altamente ripetitivi. retribuiti a cottimo e di cui non si percepisce lo scopo. Così l’intelligenza artificiale e il deep learning, da promessa per una società libera da lavori poco dignitosi rischia di diventare promotrice di un “cyber-proletariato” che potrebbe rimpiangere le fatiche della catena di montaggio

L’articolo Intelligenza Artificiale e lavoro: così nasce il “cyber-proletariato” proviene da Agenda Digitale.