Blog sulla sicurezza informatica e l’informazione dei sistemi

Andrea Biraghi, Cyber Security manager e direttore della divisione Security and information Systems, lavora da anni per il mantenimento della sicurezza dei sistemi informativi. In una società sempre più digitalizzata ed interconnessa è divenuto ormai indispensabile prendere atto delle minacce esistenti nella rete Internet: solo un costante impegno ed aggiornamento rendono possibile affrontare e combattere i Cyber criminali e riprendersi in fretta dalla loro violazioni. La posta in gioco è alta e la sicurezza dei servizi web è fortemente legata al nostro sviluppo economico: basti pensare al rapido aumento delle connessioni, degli utenti, l’aumento del valore di numerose transazioni effettuate attraverso le reti, la crescita delle imprese legate al commercio elettronico.

Tag: hacking 2021

Attacchi-informatici-2021-andrea-biraghi

Attacchi informatici 2021: gli hacker prendono di mira gli USA

Mentre i ransomware e gli attacchi double extrorsion sono in continua crescita anche in Italia – terzo paese più colpito al mondo – tra i più importanti attacchi informatici del 2021 – che conosciamo – la maggior parte hanno avuto come target gli Stati Uniti. E mentre gli USA si dimostrano sempre più vulnerabili, il dito viene puntato contro la Russia. Gli attacchi sono comunque reminder delle crescenti minacce informatiche alle infrastrutture critiche e ai fornitori di servizi che sono obiettivi dei criminali informatici.

Attacchi informatici 2021: colpiti i settori food, carburante, sanità e trasporti.

  • JBS Foods – il più grande fornitore di carni al mondo – ha dovuto fermare i suoi stabilimenti in seguito ad un attacco ransomware. Il 31 Maggio 2021 l’attacco condotto dal gruppo hacker REvil ha mandato fuori uso i server di supporto ai sistemi IT del colosso, paralizando la produzione degli impianti.
  • Colonial Pipeline: nel Maggiio 2021 l’hacking della Colonial Pipeline ha portato alla carenza di carburante sulla costa orientale. La società ha ammesso di aver pagato più di $ 4,4 milioni in riscatto, anche se l’FBI ha affermato che sono stati richiesti riscatti per oltre $ 25 milioni. A confermare il pagamento è stato Joseph Blount, CEO Colonial Pipeline che distribuisce carburante lungo la costa orientale degli Stati Uniti. Il riscato è stato pagato per permettere la ripresa delle attività dell’oleodotto.
  • Sistema sanitario: recentemente sono state coplite le strutture sanitarie di San Diego, con la conseguente violazione dei dati sensibili (informazioni mediche dei pazienti). Un danno che ha chiesto un mese di tempo per essere risolto: le strutture di Scripps hanno iniziato a riacquistare la capacità di creare nuovi record digitali le scorse settimane. Anche il servizio sanitario irlandese è stato colpito, impiegando lo stesso sistema usato contro la Colonial Pipeline negli Usa. A dichiarare che si è trattato di un attacco orehestrato a livello internazionale è stato Paul Reid, il direttore del sistema sanitario dell’Irlanda.
  • Nel settore dei trasporti a New York è stato rilevato un attacco ransomware ai servizi del traghetto a Cape Cod, probabiomente parte di un furto i dati, mentre un gruppo hacker che si crede avere dei legami con la Cina, è penetrato nell’Aprile 2021 nei sistemi informatici della Metropolitan Transportation Authority, che trasporta milioni di persone ogni giorno.