Blog sulla sicurezza informatica e l’informazione dei sistemi

Andrea Biraghi, Cyber Security manager e direttore della divisione Security and information Systems, lavora da anni per il mantenimento della sicurezza dei sistemi informativi. In una società sempre più digitalizzata ed interconnessa è divenuto ormai indispensabile prendere atto delle minacce esistenti nella rete Internet: solo un costante impegno ed aggiornamento rendono possibile affrontare e combattere i Cyber criminali e riprendersi in fretta dalla loro violazioni. La posta in gioco è alta e la sicurezza dei servizi web è fortemente legata al nostro sviluppo economico: basti pensare al rapido aumento delle connessioni, degli utenti, l’aumento del valore di numerose transazioni effettuate attraverso le reti, la crescita delle imprese legate al commercio elettronico.

Tag: car hacking

minacce-informatiche- automotive-andrea-biraghi

Car Hacking: le minacce informatiche nel settore automotive

Minacce informatiche e Automotive. Mentre gli esperti di sicurezza canadesi avvertono dei rischi di pirateria informatica dei veicoli autonomi, i ricercatori di sicurezza Ralf-Philipp Weinmann di Kunnamon, Inc. e Benedikt Schmotzle di Comsecuris GmbH hanno mostrato alla conferenza CanSecWest, una vulnerabilità di sicurezza “remote zero-click” scoperta nell’Ottobre 2020, di un componente software open-source (ConnMan) utilizzato nelle automobili Tesla. Questo gli ha permesso di aprire le porte di una Tesla con un attacco remoto da un drone che trasportava un dongle Wi-Fi. Tuttavia si tratta di un vecchio bug, quindi – secondo i ricercatori – l’attacco non dovrebbe essere possibile oggi.

Sarebbe così possibile per un criminale sbloccare le porte e il bagagliaio dell’auto, cambiare la posizione dei sedili, sia le modalità di sterzo che di accelerazione, ma questo tip di attaccto non fornirebbe il controllo totale della guida. Chiamati “TBONE”, questi exploit sono stati originariamente scritti per il concorso PWN2OWN 2020, che è stato annullato a causa di COVID-19. Successivamente gli hacker hanno rivelato queste vulnerabilità a Tesla, che le ha patchate nell’aggiornamento 2020.44 alla fine di ottobre 2020.

Potrebbe sembrare fantascienza per molti ma anche senza accesso fisico al tuo veicolo, gli hacker possono prendere il controllo dell’automobile. I rischi della tecnologia cosi si moltiplicano al pari delle opportunità. I criminali informatici e il “cyberspionaggio” hanno iniziato da tempo a prendere di mira anche l’industria automotive con minacce informatiche per rubare dati e informazioni relative in special modo i veicoli a guida automatica o semiautomatica. Ma i rischi non si fermano qui.

Gli hacker possono accedere ai sistemi di un automobile con accesso da remoto senza la chiave, che secondo Upstream.auto ha rappresentato il 93% degli attacchi di furto nel 2020. Si aggiungono gli accessi tramite smarthphone, attacchi informatici tramite le porte dati USB e infine gli avanzati sistemi telematici di navigazione e localizzazione, che rendono le auto connesse bersagli attraenti per hacker, terroristi e stati-nazione.

Minacce informatiche e la supply chain del settore automotive

Gli esperti automotive canadesi invece non sembrano così tranquilli: nasce cosi un nuovo centro specializato, lo SHIELD Automotive Cybersecurity Centre of Excellence, che ha sede presso l’Università di Windsor. Il suo compito sarà distribuire le conoscenze sulla riduzione delle vulnerabilità cibernetiche all’interno delle automobili e dei loro componenti tra produttori, ricercatori e automobilisti, con l’intenzione di offrire servizi di consulenza e test alle piccole e medie imprese canadesi. Il messaggio è quello legato alla supply chain, considerando i tanti partner coivolti, dai produttori di componenti, agli assemblatori, agli operatori di rete, agli amministratori, ai gestori dei parcheggi e agli automobilisti.

L’obiettivo del nuovo centro è ridurre il rischio.

Mary Teresa Barra, della General Motors, ha affermato che proteggere le automobili da incidenti causati da attacchi informatici “è una questione di sicurezza pubblica”. Ma non è solo un problema di conformità alle normative ma di dettagliate analisi delle minacce alla sicurezza e alla privacy, di valutazione del rischio e trattamento del rischio, consideriamo non solo lo sviluppo iniziale dei progetti e dei prototipi ma anche l’intero ciclo di vita dello stesso prodotto.

Andrea Biraghi – Cyber Security e Cyber Spionaggio: le minacce nel settore automotive in Europa