Blog sulla sicurezza informatica e l’informazione dei sistemi

Andrea Biraghi, Cyber Security manager e direttore della divisione Security and information Systems, lavora da anni per il mantenimento della sicurezza dei sistemi informativi. In una società sempre più digitalizzata ed interconnessa è divenuto ormai indispensabile prendere atto delle minacce esistenti nella rete Internet: solo un costante impegno ed aggiornamento rendono possibile affrontare e combattere i Cyber criminali e riprendersi in fretta dalla loro violazioni. La posta in gioco è alta e la sicurezza dei servizi web è fortemente legata al nostro sviluppo economico: basti pensare al rapido aumento delle connessioni, degli utenti, l’aumento del valore di numerose transazioni effettuate attraverso le reti, la crescita delle imprese legate al commercio elettronico.

Malware, nel 2019 scoperte 74.360 varianti sconosciute. Ransomware in crescita globale del 15%

Scoperte 74.360 varianti sconosciute di malware. Boom dei kit ransomware-as-a-service (RaaS) e malware open-source. Per essere efficienti, le imprese devono sfruttare tecnologie innovative come l’apprendimento automatico, in modo da poter intervenire in anticipo contro le strategie di attacco che mutano costantemente.

Difendere il proprio ecosistema digitale ed informatico non è cosa facile oggi. Che siano aziende, amministrazioni pubbliche, organizzazioni internazionali, o piccole realtà, fino alla nostra casa, ogni dispositivo collegato in rete è una porta che favorisce un attacco.
Nell’ultimo Rapporto SonicWall, relativo alle minacce informatiche rilevate in 200 Paesi di tutto il mondo nel primo semestre 2019, si evidenzia un’escalation nell’utilizzo di diversi strumenti cyber crime, soprattutto il nuovo ransomware as a service, il malware open sourcee il

L’articolo Malware, nel 2019 scoperte 74.360 varianti sconosciute. Ransomware in crescita globale del 15% sembra essere il primo su Cybersecurity Italia.

Cybercrime, i data breach costano alle aziende italiane 3,13 milioni di euro

I costi medi totali dovuti ad attacchi che hanno determinato perdita di dati alle aziende sono aumentati di quasi il 10% nel nostro Paese. Il 67% dei costi della violazione di dati viene registrato entro il primo anno, il 22% nel secondo anno e un altro 11% si estende oltre i due anni.

Non solo aumenta il numero di attacchi informatici alle aziende di tutto il mondo, ma anche il valore complessivo del danno e quello medio per singola organizzazione. Il rapporto annuale “Cost of a Data Breach” (Costo di una violazione di dati) sponsorizzato da IBM Security e condotto dal Ponemon Institute si concentra sia sulle imprese a livello globale, sia di

L’articolo Cybercrime, i data breach costano alle aziende italiane 3,13 milioni di euro sembra essere il primo su Cybersecurity Italia.

andrea biraghi cyber security blog post2

Identikit dell’hacker: chi è, cosa fa e cosa vuole

Chi è l’hacker? Ne sentiamo parlare ogni giorno, quando guardiamo il telegiornale, leggiamo le notizie e navighiamo su internet.  La parola hacker oggi identifica un individuo che trova e sfrutta la debolezza dei sistemi informatici e delle reti per ottenerne l’accesso. Solitamente è un esperto programmatore di computer, che sfrutta le vulnerabilità dei sistemi per rubare informazioni e ottenere profitti illegali. Questa attività può rendere oggi milioni e milioni di euro.

  • 1
  • 8
  • 9